Benvenuti nel sito della Società Italiana dei Chirurghi Universitari

Cari Colleghi,


a giugno 2013 è entrato in carica il nuovo Consiglio Direttivo della Società Italiana dei Chirurghi Universitari, con il coinvolgimento di Eccellenze della nostra Accademia, che contribuiranno alla crescita della nostra Società ed al rilancio del nostro ruolo.
Tra tante Associazioni perché anche ed ancora una con peculiarità universitarie?
Dopo quasi 14 anni di storia e di naturali evoluzioni, la SICU conserva la sua identità specifica, con la consapevolezza di doversi impegnare in un’attività necessaria e soprattutto mirata e delicatissima, rivolta con particolare attenzione a quanti si ritrovano a ricoprire il doppio ruolo, di Chirurgo e insieme formatore di Chirurghi, professionisti che combattono ogni giorno su un doppio fronte, con la difficoltà di gestire il proprio lavoro rispondendo a due diverse istituzioni e governi, quello sanitario nazionale e regionale, e quello universitario.

E questo in una fase storica molto particolare, che vede sempre più in pericolo il riconoscimento del ruolo dell’Accademia.
Il notevole cambiamento delle regole di accesso e di progressione, e quindi il taglio delle risorse dedicate, che avevano preservato la centralità dell’Università e dei suoi Docenti nella formazione di intere generazioni, garantendo un elevato e generale progresso culturale, spero e credo che non riusciranno a cancellare con un “colpo di spugna” un patrimonio indispensabile soltanto se ci sarà l’impegno di tutti Noi, con quello sforzo culturale della ricerca e della validazione rigorosa e libera delle più attuali metodologie didattiche e formative, che sono proprie del Professore Universitario.
E’ innegabile il valore raggiunto dalla Chirurgia Italiana, ottenuto in tutte le sedi, anche attraverso un percorso obbligatorio realizzato nei Policlinici Universitari, poi eventualmente esaltato in rapporto alle capacità del singolo operatore.

Tale missione formativa è stata rispettata ancor più quando negli Ospedali si osservano numerose eccellenze del nostro Paese.
Annullare una tappa della nostra formazione, universitaria e post-universitaria, o pensare di trasferirla a chi ha fatto percorsi soltanto per certi aspetti simili, espone allo stesso rischio di affidare la gestione di un reparto clinico ad un manager; forse si raggiungerebbero migliori performance, si riuscirebbe a creare una sana competitività, si realizzerebbe una maggiore attrazione di risorse a fronte di una riduzione di sprechi, ma certamente il team verrebbe a perdere la competenza specifica che può essere assicurata soltanto da un professionista della sua disciplina.


Ecco che i nostri convegni sono rivolti all’approfondimento di temi della formazione e della ricerca, per governare l’innovazione tecnologica ed aggiornare i percorsi assistenziali e di apprendimento, trasmettendo i valori dell’etica anche attraverso elevati standard di qualità dell’assistenza, che deve continuare a rappresentare un mezzo e non un fine.

“Cura” nell’Università deve continuare a rappresentare la “traduzione” di insegnamento.
L’integrazione della ricerca con la formazione e l’assistenza deve ancora essere considerata la sfida verso il futuro, che si realizzerà con la collaborazione dei diversi ruoli, con gli scambi interuniversitari, con i contatti con la rete di assistenza ospedaliera e territoriale, con il confronto con il mondo della politica, dell’industria e della cultura, governando se è il caso la formazione a distanza e la realtà virtuale, in un Sistema Sanitario Nazionale che sta cambiando.


L’attivazione del nostro sito mette a disposizione di tutti la nostra storia ed i nostri mezzi, per migliorare al nostro interno e per aprirsi all’esterno, promuovendo la modernità nella consapevolezza di offrire soprattutto ai più giovani, veri protagonisti dell’Università, quanto ad essi è dovuto, anche nell’ottica di un sano ed efficace ricambio. Il sito si propone quindi come finestra aperta, e insieme stanza di dialogo, approfondimento e confronto. Un sostegno, al quale speriamo tutti Voi vogliate partecipare.



Ludovico Docimo

Presidente della Società Italiana dei Chirurghi Universitari